VITTORIA

VITTORIA. Barbara Fiorio. Feltrinelli.
Sto cercando le giuste parole per commentare questo libro da due giorni ormai. Non se ne trovano. Mi scuso da subito.
Abituati allo stile della Fiorio, ci si avvicina alla sua ultima opera, dalla copertina curiosa e variopinta, con le consuete aspettative: ironia pungente e comicità seria.
Vittoria è una sorpresa: una lettura amara, eppure il lettore, come Socrate fece con la sua cicuta, la trangugia come se non ci fosse un domani. Distante dai suoi predecessori, questo libro ha in sé il seme del realismo, non quello divertente, bensì quello vero, quotidiano, terreno.
“Non si può amare chi non ci ama, è contro natura.”
Genova. Vittoria è una donna di 46 anni, un’età atroce per rimanere soli, per stare a guardare il futuro sgretolarsi e crollare, lasciando il presente annichilito e diroccato come una moderna Pompei.
Una donna in crisi affettiva, perché reduce da una relazione che l’ha prosciugata di ogni energia e speranza. In crisi creativa, perché cammin facendo ha accantonato il suo talento, l’arte della fotografia.
Disorientata e triste, senza un compagno e senza un lavoro (N.d.R. non stupiamoci, questo è il 2018), Vittoria raccoglie i cocci della vita che credeva di avere, sotto gli occhi preoccupati e partecipi degli amici, scialuppe e roccaforti che dall’esterno hanno avuto lo spiacevole privilegio di assistere allo sboccio sconsiderato di un Ego velleitario in crisi di identità (N.d.R. mi rifiuto di fare spoiler, andate a leggervi il libro), e all’autopsia di una convivenza.
Uno scherzo, forse una congiura di stelle, conducono la nostra protagonista a calcare le scene della cartomanzia, lei che non ha mai creduto “in queste cose”.
Un lavoro estemporaneo, che ha del ridicolo e purtroppo anche del necessario, ma che offre panorami umani inaspettati. Contatti che danno e prendono in egual misura e le permettono un passo per volta di riappropriarsi della propria vita.
Vittoria è un inno all’amicizia, alla quotidiana sopravvivenza, popolato di ordinari eroi, un libro adulto per adulti (se non hai più di quarantanni e non stai cercando lavoro, non puoi capire cosa si cela dietro a Linkedin, Monster, Info.Jobs e compagnia bella).
Quando ci curiamo di noi stessi nonostante il fango che ci circonda, quando ci adattiamo a nuotare in una palude.
Quando guardiamo il presente senza capirlo ed il passato è ormai un libro finito, che lascia spazio ad altre letture.
Siamo tutti Vittoria.

One thought on “VITTORIA

  1. Trovo che la Fiorio in questo romanzo abbia fatto veramente un salto di qualità, trattando temi molto attuali in maniera approfondita e calzante, i miei complimenti per il coraggio quando una schiera di suoi affezionati aspettava altro.
    Io sono una di loro e credo che questo romanzo sia bellissimo non posso fare altro che consigliarlo e straconsigliarlo, posso dire però che la sua ironia intelligente mi è un po’ mancata?!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*