La bussola d’oro. Queste oscure materie

La bussola d’oro. Queste oscure materie. Vol. 1. Philip Pullman. Salani.
La bussola d'oro, Philip Pullman
Lyra ha circa 10 anni, ed è una ragazzina che verrebbe definita pestifera anche nel mondo dove vive, che non è il nostro. Oltre l’Oceano c’è un’America, il cui stato più importante si chiama Nuova Francia; ci sono orsi corazzati che regnano sui ghiacci dell’Artico, le comuni materie di studio hanno nomi particolari, ma soprattutto ad ogni essere umano possiede un Daimon. Un compagno di sesso opposto al proprio, un prolungamento di sé, un valido amuleto contro la solitudine, per certi versi l’amico invisibile che ogni bambino ha avuto. Sono creature che in età infantile hanno la capacità di mutare forma (sempre animale), quindi oltrepassata la pubertà acquisiscono una forma definitiva che in qualche modo si collega alle peculiarità caratteriali dell’umano che seguono.
Lyra vive al Jordan College di Oxford, ma le sue peripezie iniziano quando, intrepida ed ostinata come pochi, decide di cercare Roger, un amico rapito da una setta che cattura i bambini per portarli al nord dove vengono sottoposti a … (ovviamente mica ve lo dico).
Non è il miglior fantasy che abbia letto, ma certo è interessante ed originale e ben condotto, fatta eccezione per le prime pagine nelle quali ho trovato “troppa carne al fuoco” in merito alle creazioni dell’autore, spiegate in seguito.
Non mi piace far paragoni tra autori dello stesso genere ma tanto per dare un’idea: Pullman ha uno stile migliore della Rowling (Harry Potter), è più curato e più ricercato.

9 thoughts on “La bussola d’oro. Queste oscure materie

  1. quanto sei permalosa!! ma visto che il libro te l’ho consigliato io perchè è uno dei miei preferiti mi sento di fare alcune precisazioni alla luce del tuo poco entusiasmo!! secondo me è scritto veramente bene (ma questo l’hai detto), io non posso certo definirmi un’esperta di fantasy come te anche se qualcuno l’ho letto, ma il bello di questo libro è che è VERAMENTE originale, non ha preso spunti di qua e di là a piene mani come altri tipo Harry Potter, che peraltro adoro, e la trama è molto coinvolgente senza scadere nel romantico-fantasioso e anche molto veloce … credo che Pullman abbia davvero inventato qualcosa … l’unica pecca che ho trovato è nel terzo e ultimo della serie “Il canocchiale d’ambra” dove si ha un pò l’impressione che non sappia più come concludere!!!

  2. Pecca tipica di chi scrive fantasy, ad un certo punto la fantasia finisce e finisce la storia. Punto e basta. Ti dico la verità: a me è piaciuto davvero, ma essendo più un’amante della Heroic Fantasy non sono abbastanza curiosa per leggere anche il seguito, anche se ribadisco che tra Pullman e la Rowling… UN ABISSO in quanto a saper scrivere. Pullman scriverà anche libri per ragazzi ma sono pensati e “contorti” in modo da far lavorare il cervello di chi legge.

  3. In effetti… è che la prima parte ce la siamo detta via mail e non me la ricordo +. Chiedo Venia (che non la sorella di Venusia pseudo-morosa Aktarus)

  4. la bussola d’oro e’ stato il mio romanzo preferito. philip ti cattura nelle sue pagine, ti fa perdere nel suo mondo, ti fa sognare. Ho letto tutta la trilogia e ora ho cominciato quella di Sally Lockhart con il primo romanzo: Il rubino di fumo.

  5. ciao. Ho letto tempo fa l’intera trilogia e l’ho trovata stupenda. La consiglio veramente. All’altezza della Robin Hoob. ciaooo

  6. Un fantasy impegnato. Gli approcci sono sostanzialmente due, dal mio punto di vista: una lettura “giovanile” nella quale ti godi il mondo fantastico creato dall’autore godendone la leggerezza oppure, o meglio, una seconda lettura, più analitica dove scopri i sottintesi dello scrittore, le sue accuse non troppo celate contro un sistema politico/religioso e rimani con tante domande senza risposta!
    Io voglio un daimon, inevitabile volerne uno dopo aver letto questo romanzo che ho trovato appassionante, ben costruito e se anche in alcune parti troppo “lento” da leggere, come peraltro sono da leggere i successivi due.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*