L’ultimo orco

L’ultimo orco. Silvana De Mari. Salani.
L’ultimo orco, Silvana De Mari Yorsh, "l’ultimo elfo e il più potente" è oramai adulto, ha una famiglia felice ed ha fondato una comunità che sopravvive a stento in un eden che li ha temporaneamente protetti dalla malvagità del Giudice Amministratore. Eppure, nonostante Il Malefico Elfo sia scomparso, le terre della contea di Daligar e Varil non sono al sicuro. Gli orchi sono tornati, forti e feroci come ai tempi di Arduin, e avanzano nel Mondo degli Uomini, ormai in balia della follia del Giudice Amministratore e della mediocrità di coloro che lo servono. Protagonista di questo romanzo è Rankstrail, un personaggio che vediamo crescere e diventare uomo (come fu per Yorsh nel precedente libro). Rankstrail è un bambino che cresce in fretta, provato dalla miseria che lo accomuna agli abitanti della Cerchia Esterna della città di Varil; profughi senza diritti civili, fuggiti dalle terre sfregiate dagli Orchi, che vengono tollerati soltanto in quanto disposti a svolgere i lavori più umili. Diversamente da tanti altri, Rankstrail ha la fortuna di avere una famiglia amorevole che si occupa di lui come meglio può, fino a quando lui stesso non li abbandona per arruolarsi come Mercenario, l’unico mestiere che promette il denaro sufficiente per curare i malanni del padre e riempire lo stomaco dei fratelli.
Rankstrail impara. Incontra numerosi e svariati personaggi che lo modellano, fino a farlo divenire il Capitano. Lungimirante, giusto e feroce condottiero di un manipolo di guerrieri dimenticati dagli Dei e perseguitati dagli uomini. Gli unici che saranno in grado di fermare il devastante incedere degli Orchi, cozzando con quelle comode e diffuse leggende che vedono nel popolo degli Elfi la causa dei mali di un mondo che sta marcendo per conto suo.
Mentre Yorsh era, ed è, descritto con colori chiari e brillanti; Rankstrail è l’eroe cupo e sudicio, senza retaggio, che in un mondo violento si costruisce un’etica ormai misconosciuta.
Già autrice di "L’Ultimo Elfo", Silvana De Mari prosegue la sua personale campagna contro una società succube delle locuste del nostro tempo: invidia, paura, ignoranza, cattiveria e bassezza.
Questo è un libro fantastico che parla di una fame reale. Una fame universale che tocca il corpo e l’anima, scalfendoli per sempre. Fame di cibo, fame di affetto, fame di dignità, bisogni che trasformano gli uomini in Orchi, creature della guerra, capaci soltanto di odiare e gioire del male perché, nati schiavi, non hanno mai conosciuto altro che odio e dolore. Silvana De Mari non solo possiede un ottimo stile, ricco e sicuro, la sua scrittura riesce ad essere al contempo semplice e profonda anche questo secondo libro un po’ più crudo rispetto al primo.
L’ultimo Elfo e L’Ultimo Orco, dovrebbero diventare testi obbligatori nelle scuole medie/superiori per insegnare ai ragazzi quello che gli uomini trascurano continuamente. Il rispetto verso gli altri e verso se stessi.

11 thoughts on “L’ultimo orco

  1. ehi ehi ehi ci vuole della calma prima di fare certe affermazioni!! Questi non li ho letti ma non so … mi sembra impossibile, almeno per i miei gusti, io apprezzo molto anche l’ironia e le situazioni e i personaggi allegri e ridicoli di harry, questi libri mi sembrano molto più seri e cupi, formativi certo ma … insomma che non mi si tocchi harry!!!

  2. Solo formativi, cupi a volte (dipende dalle situazioni), ironici sì. Soprattutto Rankstrail, quando parla con certi nobili.

  3. Son ancora dietro a Fitz, quest’ultimo è più lento degli altri. Ho Harry ultimo pronto e IBS mi sta spedendo l’ultimo elfo e l’ultimo orco (l’ultimo elfo grazie a Ernus l’ho pur regalato a un ragazzino per Natale, ma quasi quasi me lo tenevo e così…. ordinato!). ciaooo (per fortuna che sta arrivando anche una libreria in più!).

  4. Il ragazzino ha apprezzato? Oppure è uno di quelli che giocano a GTA e schiacciano i pedoni con unamacchina virtuale?

  5. NOTIZIE:

    “Dopo lo straordinario successo internazionale del suo romanzo L’ultimo Elfo, i cui diritti sono stati venduti in dodici paesi e dal quale sarà tratto anche un film…”

  6. Allora mi fai fare un figurone. Al ragazzo regalai anni fa Harry Potter quando ancora era quasi sconosciuto, poi a luglio “Le Cronache di Narnia” quando ancora erano sconosciute, e ora faranno anche il film dell’ultimo elfo!

    Ho finito ora “Il viaggio dell’assassino” il finale della trilogia dei Lungavista. Mi sono affezionata un sacco a Fitz & Co e mi dispiace averla finita. Se Ernus ha letto il primo le consiglio caldamente di proseguire. ciao a tutti. Buon week end.

  7. per Ernus: ma sei sicura di voler sapere come finisce? Ti rovino la suspance! E’ bello scoprirlo leggendoli. Pensa che ho segnalato a Ibs che c’era un commento dove si capiva la fine, e loro l’hanno cavato. Bravi! Se non li leggi, se vuoi te la racconto. ciaooo Teoricamente

  8. l’ho appena finito: veramente MERAVIGLIOSO, come L’ultimo elfo prima di questo, due libri impagabili … QUASI NECESSARI!!!

  9. Lo so. Sono bellissimi entrambi, anche se per certi versi ho preferito L’Ulimo Orco (tu ovviamente l’altro…). Tuttora ne rileggo dei pezzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*