L’UOMO CHE METTEVA IN ORDINE IL MONDO

l'uomo che metteva in ordine il mondoL’UOMO CHE METTEVA IN ORDINE IL MONDO. Fredrik Backman. Mondadori.
Ove ha 59 anni ed è sempre stato un uomo tutto d’un pezzo, non ha mai avuto una vita facile ma visto che “quel che è giusto è giusto”, non ha mai avuto dubbi o percepito sfumature e ha sempre rispettato le regole con un rigore a dir poco eccessivo. Per lui il valore di un uomo non si misura su quello che dice ma solo su quello che fa ed è per questo che ha sempre sviluppato un odio feroce nei confronti delle camicie bianche. A sei mesi dalla morte della moglie che era tutto il suo colore, l’azienda per la quale ha lavorato un terzo di secolo lo mette in prepensionamento anticipato ed è a quel punto che si spezza la sua routine e che smarrisce il senso stesso della sua esistenza fino a decidere di farla finita. Non sarà però così facile visto che la vita reclama continuamente la sua attenzione. Nella zona residenziale dove abita infatti si trasferisce una nuova famiglia, la moglie iraniana non si lascia spaventare dai modi burberi e incivili di Ove, per non parlare di quel gatto spelacchiato e senza coda che sembra seguirlo ovunque, o del suo nemico/amico che i servizi sociali vogliono internare. Certo la storia non è delle più originali a in poche righe non riesco certo a descrivere una personalità così bizzarra ma in un certo senso così familiare (chi di noi non ha mai avuto un vicino scontroso ma affidabile), quel che è certo è che uno dei motivi per cui leggo è provare emozioni, e questo romanzo me ne ha fatte provare veramente molte. Ho riso come una matta alle innumerevoli litigate di Ove e alle sue rigide fissazioni, e ho letto con commozione e tenerezza la storia della sua vita e il suo amore per Sonja e i suoi nuovi affetti. Tenero sì e forse poco verosimile ma mai stucchevole, con uno stile asciutto e preciso e un ritmo narrativo invidiabile, questo romanzo è stato un’autentica sorpresa, mi è piaciuto moltissimo e mi ha regalato un personaggio memorabile.

2 thoughts on “L’UOMO CHE METTEVA IN ORDINE IL MONDO

  1. Io vorrei un mondo popolato di Ove, tutto sarebbe migliore. Non so che dire è meraviglioso, scritto bene e personaggi fantastici, descritti nei minimi particolari i sentimenti e gli stati d’animo, le situazioni sono divertenti ma hanno sempre contenuti importanti.Ove mi manchi…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*