PRIMA DI PRANZO

PRIMA DI PRANZO. Angela Thirkell. Astoria.
Inghilterra anni ’50. Il signor Middleton è molto preoccupato, vede la pace della sua casa di campagna minacciata quando la sorella gli comunica che passerà l’estate da lui con i suoi due figliastri che lui ricorda essere ragazzi un po’ sopra le righe. E in effetti Daphne e Denis non passano di certo inosservati in quel mondo fatto di nobili pigri che trascorrono giornate tra fiere del bestiame, ricevimenti, the e riunioni senza senso per perorare cause che non interessano nessuno, ma sanno farsi voler bene con il senso pratico e la dinamicità che contraddistingue la nuova borghesia.
Questo è il terzo romanzo che leggo della Thirkell, l’ambientazione è sempre la stessa così come le tematiche e i frettolosi intrecci amorosi, tant’è che alcuni dei personaggi dei romanzi precedenti fanno anche qui la loro comparsata in una sorta di continuità.
Una delle mie letture british classiche insomma, ma questo romanzo a differenza degli altri due è sicuramente meno vivace con un tocco addirittura di malinconia nel personaggio disilluso e triste della signora Middleton.